domenica 11 agosto 2013

LA STAZIONE FANTASMA DI CA' DI LANDINO

Nostro obiettivo è quello di trovare posti esotici a due passi a casa e storie strane o dimenticate.
Quella di Ca' di Landino è proprio una di queste storie dimenticate...
Questa localita' - attualmente non più di una dozzina di case abitate -  si trova sull'appennino bolognese, a metà strada tra Castiglione de' Pepoli e Baragazza.
E' una paese che è stato costruito negli anni '20 del XX° secolo, dalla Ferrovia per ospitare gli operai che lavoravano alla costruzione della Grande Galleria dell'Appennino - lunga oltre 18 km - sulla Direttissima Firenze/Bologna, e  che attraversa l'appennino Tosco-Emiliano  rappresentando una delle più ardite opere di ingegneria dello scorso secolo.

La particolarità di questo posto è la stazione, che era intermedia tra quella di Vernio e quella di San Benedetto Val di Sambro ed il cui accesso avveniva dall'interno della galleria parallela a due binari, lunga circa 450 metri,  destinata ai convogli lenti.
Da lì si risaliva uno dei pozzi scavati ai tempi della costruzione della galleria, tramite una scala composta di 1.863 scalini, - niente ascensore -  oltretutto inclinata di 50 gradi, che portava appunto poco sotto all'abitato di Ca' di Landino.
Per quanto incredibile possa sembrare, la stazione, detta "Precedenze" ha funzionato anche per i passeggeri sino agli anni 60, quando fu definitivamente soppressa.
Ha avuto un ruolo importante durante l'attentato al rapido 904, il 23 dicembre del 1984, quando alcuni feriti furono portati in superficie tramite questa stazione intermedia.

Attualmente molte delle case costruite a quei tempi versa in condizione di grave abbandono, e la stazione di superficie è richiusa dentro un recinto  - proprietà delle ferrovie e off-limits per i privati - ugualmente cadente.

Non è possibile accedere alla scala che porta alla stazione nella galleria, anche se è in atto un'iniziativa popolare per chiederne la riapertura, ovviamente al fine di non perdere la memoria di una cosa così particolare.

Mappa

14 commenti:

  1. prima di scrivere articoli,si assicuri di conoscere meglio i posti che descrive.....si chiama Castiglione dei Pepoli
    non castiglion........

    RispondiElimina
  2. perdonaci... a Prato si dice così, ma correggiamo subito. Grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hem hem ... voce di popolo voce di re , ragione ha il lettore nel "razzarvi" ma pure a Bologna lo chiamiamo Castiglion , ;-) pura comodità fonetica non ce ne voglia il Castiglione scrittore , ricordo un caso simile in provincia di Bologna località Castagnolo minore , ma da tutti conosciuto come Castagnolino , siete grandi, fantastico blog

      Elimina
  3. Non esiste alcuna "stazione di superficie": quella che si vede all'interno della recinzione è la Sottostazione Elettrica (SSE) di Cà di Landino, il cui unico scopo è quello di fornire l'alimentazione elettrica alla ferrovia nella galleria sottostante. L'elettricità viene convogliata fino alla ex stazione di Precedenze tramite cavi posati all'interno di uno dei due pozzi di accesso alla galleria, utilizzato unicamente per questo scopo.

    RispondiElimina
  4. Per saperne di più sulla ex stazione di Precedenze consiglio questa pagina http://www.rossimodelli.it/precedenze.html - La descrizione è rivolta principalmente ad un pubblico di appassionati ferroviari, il che può renderne difficoltosa la lettura per un "profano". Tuttavia le foto rendono bene l'idea di cosa si trovi al di sotto del paese di Cà di Landino, nel cuore della montagna.

    RispondiElimina
  5. Caro anonimo, ti ringraziamo infinitamente del link, che noi abbiamo visionato e che abbiamo trovato di grandissimo interesse. Consigliamo chiunque legga questo nostro modesto post a visionarlo per trovare maggiori dettagli, e foto molto documentative. E' vero, non c'era una vera stazione - "fantasma" perchè era sottoterra - ma per la gente del posto la stazione non era "Precedenze" nel sottosuolo, ma "Ca' di Landino" in superficie.Se avevano bisogno di andare a Prato o a Bologna scendevano i 1.843 scalini, come noi si farebbe una rampa di scale!

    RispondiElimina
  6. Rampa di scale che dovrebbe trovarsi nel pozzo, la cui entrata è contenuta all'interno del fabbricato che si vede in secondo piano in questa foto (quello che viene definito "stazione di superficie") - http://www.trenomania.org/fotogallery/displayimage.php?album=147&pos=262 - L'altro edificio è la già citata Sottostazione elettrica che contiene al suo interno l'ingresso dell'altro pozzo usato per convogliare i cavi.

    RispondiElimina
  7. Ecco, confermi quello che avevamo dedotto anche noi, dai racconti delle persone del posto e da quello che ci eravamo un po' immaginati. Grazie per il tuo utilissimo contributo!

    RispondiElimina
  8. vedendo queste foto mi manca ca di landino perche ci sono nato,,,, e pensare che i 1863 scalini li ho fatti anche io e mio zio che lavorava in galleria li faceva tutti i giorni,

    RispondiElimina
  9. che spettacolo, magari riaprisse! ci andrei tutti i giorni! (ne sono capace, già lo faccio con altre "chicche" tipo 'Bologna Fiere'

    RispondiElimina
  10. 27 gradi è l'inclinazione dei pozzi inclinati di ca' di landino, non 50.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringraziamo della tua precisazione. che 27 gradi ci sembrano già abbastanza, direi...

      Elimina
  11. Sono accessibili i gradini per poter scendere a precedenze?

    RispondiElimina
  12. no, purtroppo no. Se lo fossero stati li avremmo descritti uno ad uno!! :)

    RispondiElimina